domenica 27 maggio 2012

" Salentu... Cinca lu vite nde lassa lu core, cinca lu lassa se sonna lu mare..."


E' il Salento, terra arsa e rossa, seccata dal sole accecante dei pomeriggi d'estate, cullata dal canto delle cicale nei pomeriggi afosi... le parole di questa canzone esprimono al meglio i suoni, i colori e i profumi del nostro Salento. Le parole vanno al di la degli accenti locali, ricordano stazioni sperdute e silenziose, viuzze di paese e profumi di frutta matura




Salentu è la poesia di Mino De Santis, cantastorie salentino che ricorda De Andrè, che nel suo cd "Scarcagnizzu - vento dal basso" ci racconta il Salento di oggi con le parole eterne del nostro dialetto, col tamburello che come simbolo è ormai superato, perchè il Salento non è solo pizzica e taranta, è un ulivo secolare, una scultura vivente che racconta anni di storia e di sudore, di rabbia, di nidi e di amori cresciuti sotto le sue fronde...




Salentu...


- "tantu lentu...tantu lentu ca rria tuttu dopu"


tanto lento che arriva tutto dopo 


perchè noi siamo lenti come i greci, non abbiamo fretta (tranne io che vado sempre in accellerata costante) le novità ci arrivano dai nostri conterranei che vivono al Nord e d'estate vengono a fare le ferie a casa dai parenti... e diciamolo va... ci guardano già dopo sei mesi che vivono fuori con quell'aria di sufficienza, con l'accento già forzatamente contaminato...


- "e ane raggione (con 2 gg) ca nu ghe Italia, 
e ane raggione nu è mancu Puglia, 
quistu e nu pizzu calatu a mare 
è na friseddra...
ghe l'acqua e sale "




non è Italia e neanche Puglia, questu è un pizzo (questo è proprio Lido Pizzo) gettato in mare è una frisella... è acqua e sale 


-  " Salentu lentu lentu è na cosa rara 
nu peparusso 
na culummara
nu picca duce nu picca mara" 




                               










Un peperoncino, una culummara, un pò dolce e un pò amara  ( la culummara è una varietà di fico precoce, infatti è conosciuta con il nome di "San Giovanni" perchè arriva a maturazione proprio il 24 giugno quando a Casarano si festeggia il Santo patrono del paese, ne ho una pianta fuori dalla mia cucina e proprio il giorno della festa, e poi ancora durante la prima settimana d'agosto si riempie di frutti pieni e polposi)


Salento nelle parole delle canzoni di De Santis è rabbia, dolcezza e nostalgia insieme, è l'emigrante in Svizzera, la libertà del randagio, il cavallo "malecarne", il moribondo;  atmosfere che fanno parte di noi, delle mura scrostate dei nostri paesi, di questo Salento lento che non cambia mai, con la pitta e le purpette,  ma che lentamente inizia a muoversi, "perchè il treno passa, sono io che non salgo" è il Salento della cultura, troppa e facile cultura, dove basta dire che sei ispirato per inventare un significato... e ci sarei anch'io fra quelli che, come dice De Santis, faccio minchiate e le chiamo cultura... no! proprio come dice lui... questi scritti chiamiamoli "sguario" (passatempo).


Io ve l'ho presentato... se vi ho incuriosito con le parole delle sue canzoni, andate a cercarlo su  you tube    troverete altri suoi brani, e magari :-) vi sguariate pure voi...

Nessun commento: